Escursione Rocche del Crasto

Trovarsi in Sicilia e sentirsi sulle Dolomiti…col vantaggio delle temperature di un’isola e con uno splendido panorama sul mare e le isole Eolie!!!

DESCRIZIONE ATTIVITÀ – L’escursione alle Rocche del Crasto è la maniera ideale per conoscere questo aspetto del territorio, fatto di rocce calcaree, linee di faglia, ampie vallate e alte vette. Le Rocche del Crasto sono formazioni rocciose di natura calcarea dell’era mesozoica che ricadono nel territorio del Parco dei Nebrodi ad un’altezza di 1315m s.l.m.. Esse rappresentano un raro esempio di rocce dolomitiche nell’Italia meridionale e sono culla di una grande varietà di flora (orchidee, anemoni, primule, ciclamini, cardi, krokus, Euforbia dendroides, che rappresenta l’essenza più significativa delle Rocche del Crasto) e fauna (lepri, istrici, donnole, ricci, volpi). Fra le sue aspre ed inaccessibili fenditure nidificano molte specie di rapaci, dal potente sparviero al velocissimo falco, dal possente grifone alla maestosa aquila. Nelle vicinanze sorgeva probabilmente l’antica città greca di Krastos.

PERCORSO – Si tratta di un’escursione che parte da Portella Gazzana (979m s.l.m.) e, passando per Portella Ficirò, arriva alle Rocche del Crasto, (quota 1300m s.l.m.) e di fronte alla Rocca Calanna (1052m s.l.m.), sulla cui parete nidifica lo splendido esemplare di aquila reale. Si sale poi a Pizzo Santa Nicola, il punto più elevato con i suoi 1315m s.l.m., per godere in pieno della pace del luogo e della vista dall’alto sul mare e le isole Eolie.

DURATA – 4/5 ore

ADATTO – a chiunque in buona forma fisica. (I minorenni, e comunque non minori di 10 anni, potranno partecipare alle attività solo se accompagnati da un responsabile).

DISLIVELLO – 336 metri

COME MI VESTO – pantaloncini, maglietta, berretto (per proteggersi dal sole), scarponcini da trekking o da ginnastica preferibilmente alti per proteggere le caviglie.

ATTREZZATURA – zainetto da escursione, borraccia.

Commenti chiusi